mercoledì 16 gennaio 2013

Prodotti pericolosi: non si risparmia sulla pelle dei bambini

Purtroppo continuano a venir fuori segnalazioni di prodotti potenzialmente dannosi, addirittura tossici, messi in commercio con l'idea dell'ottimo affare e del grande risparmio, ma purtroppo ottenuti con l'uso di sostanze nocive o comunque non controllate. Non si sta mai troppo attenti!


Il carnevale è in arrivo, ma attenzione a trucchi e travestimenti. In Italia è stata bloccata la vendita di maschere da carnevale contenenti ftalati, sostanze tossiche nocive per la salute. Le maschere in questione (maschere da strega come in foto) sono commercializzate in Italia da un'azienda di Martina Franca (TA) ma sono prodotte in Cina. La loro vendita è stata bloccata a Gennaio di quest'anno, ma erano in commercio già per lo scorso Carnevale, quindi attenzione!
Leggi i dettagli del recall.




Anche fra i giocattoli è grande allerta per il problema ftalati. Ci sono bambole e camioncini di ogni forma e dimensione, quasi sempre anche questi prodotti in Cina, che contengono materiali tossici. In una bambola recentemente segnalata e ritirata dal mercato dalla Comunità Europea (si chiama "BarMeir - Fashion Girl", in foto qui a sinistra) è stato rilevato ben il 23% in peso di DEHP (bis 2-ethylhexyl phthalate), una quantità sconcertante! Leggi i dettagli del recall.
Purtroppo i giocattoli sono uno dei settori più a rischio per la presenza di sostanze nocive: ce ne sono moltissimi commerciati in bancarelle e spacci mancanti di controlli e di tracciabilità di provenienza, e spesso le autorità preposte non riescono ad intercettare tutti i casi degni di nota. Quindi, di nuovo, massima attenzione da parte nostra di genitori. Io confesso di aver buttato direttamente nel secchio alcuni regalucci di Natale che ha ricevuto mia figlia e che avevano un'aria decisamente troppo approssimativa.




Sono poi di questi giorni le analisi condotte da un laboratorio indipendente per conto del Chicago Tribune su materassi per lettini con le sbarre, commercializzate sotto diversi marchi. Tra i 27 materassi testati, ben 11 contenevano una sostanza ritardante ignifuga. I ritardanti vengono aggiunti alla schiuma delle imbottiture di materassi, sofa e poltrone per aumentarne la sicurezza rispetto all'incendiabilità, ma in questi 11 materassi la sostanza in oggetto era un ritardante considerato tossico. Il comune denominatore degli 11 materassi sotto accusa era 1: erano tutti prodotti o importati dalla Cina. Leggi l'articolo del Chicago Tribune.




Poche settimane fa è stato ritirato dal mercato statunitense (per la seconda volta!) il posizionatore Nap Nanny. Si tratta di uno di quei prodotti pensati per far dormire o riposare i neonati, nei mesi in cui non sono in grado di sostenere la posizione seduta. L'idea dei produttori è di fornire un supporto ergonomico al bambino mentre dorme, e di limitarne i movimenti. I posizionatori si differenziano dalle sdraiette per il solco profondo in cui viene alloggiato il bambino, proprio al fine di limitarne il movimento, mentre la sdraietta, più simile ad una sedia a sdraio, lo lascia più libero nei movimenti del corpo. Purtroppo questo tipo di oggetti sono spesso sconsigliati dai professionisti della pediatria e puericultura perchè non sicuri rispetto alla respirazione e alla possibilità da parte del bambino di "liberarsi" autonomamente da posizioni che accidentalmente potrebbero rivelarsi pericolose. Inoltre sono stati segnalati numerosi casi in cui il bambino è riuscito a sganciarsi dalla cinturina di sicurezza ed è caduto: infatti uno dei problemi del Nap Nanny era proprio l'altezza del bambino da terra. Leggi il recall.
Questo specifico posizionatore non è commercializzato in Italia, ma ce ne sono di altri, simili, che si trovano anche nei nostri negozi. Vale la pena pensarci bene.




In Italia, sono state ritirate dal mercato le borracce della foto, vendute da H&M (art. 74292 6 4212 50/82), perchè il beccuccio estraibile della borraccia può rompersi in piccoli pezzi, aumentando il rischio di soffocamento. I clienti possono riconsegnare il prodotto in qualsiasi punto vendita H&M e ricevere il rimborso pari all’importo speso.



E' un vero peccato che aziende serie e sicure che si impegnano ad investire in ricerca e controlli qualità subiscano la concorrenza spietata di produttori senza scrupoli, disposti a sacrificare la sicurezza in nome di un commercio d'assalto a basso prezzo. Sta a noi quindi stare attenti, tenere gli occhi aperti, e diffidare (purtroppo è solo questa una delle poche armi a nostra disposizione) di chi ci propone grandi cose a basso prezzo. Chiediamoci sempre il perché.

4 commenti:

  1. Mamma mia, terribile. Non si è mai troppo attenti!!

    RispondiElimina
  2. è vero Marzia, soprattutto se si considera che "ad occhio nudo" molte di queste problematiche non sono evidenti.

    RispondiElimina
  3. Grazie Marica per questo tuo post. Non si fa mai abbastanza attenzione a tutto.

    RispondiElimina
  4. A volte per risparmiare sui giocattoli facciamo molto male ai nostri bimbi

    RispondiElimina