giovedì 31 gennaio 2013

#freearecipe: il Congelatore Ripieno

Avete presente la definizione di Winnicot di "madre sufficientemente buona"? Quella per cui (tradotto in soldoni) nessuno è perfetto, e ognuno fa del suo meglio e va bene così? Ecco, sulla base di questa filosofia, ed in qualità di membro orgoglione del club delle Pessime Mamme, nonchè  lavoratrice a tempo pieno che rincasa la sera alle otto e che a pranzo spesso mangia fuori, questa è la mia ricetta per #freearecipe.

Il Congelatore Ripieno è una ricetta abbastanza semplice da preparare, che richiede fondalmentalmente di fare una ricca spesa a base di surgelati. Consiglio per l'operazione di utilizzare una borsa per i surgelati, di quelle stile shopping bag di Lady Gaga, oppure di fare la spesa in inverno così non rischiate lo squagliamento rapido degli ingredienti (anche se è una ricetta che va bene in tutte le stagioni, nevvero).

Ovviamente se la cosa si limitasse a questo potreste lamentare "Apdm, ma che ricetta è?", e invece no, che la sottoscritta ha ben altro in serbo per voi. Ed ecco allora i miei pro tips che arricchiscono la ricetta rendendola sì più complessa ma anche più gustosa (chi non lavora, non mette in tavola, debosciate!) [cit. Dabogirl] e con un risultato di sicuro successo.


1. Congelate tutto il congelabile. Qualsiasi cosa. Anche le crocchette del cane, che in tempi di magra non si sa mai. Avete il basilico sul terrazzo? congelatelo. Il pesco della vicina vi spiaccica le pesche sul cotto del vostro balcone? staccatele in anticipo e congelatele.
Uno degli ingredienti che mi diverto di più a congelare è il prezzemolo. Avete idea di quanto velocemente marcisca il prezzemolo dentro ad un frigorifero normale? ecco, ora moltiplicate per 5 volte ed avrete quanto velocemente marcisce dentro al mio, di frigoriferi. Eppure, si sa, il prezzemolo va dappertutto, quindi non puoi non averlo (dice mia madre, esperta coltivatrice di sensi di colpa altrui). E allora io che faccio? lo congelo. Intero, foglie e gambetti. Messo morbido morbido dentro un sacchetto-freezer, una volta congelato ne sbricioli con la punta delle dita giusto la quantità che ti serve e lui torna fresco come una rosa non appena toccato il piatto. Meraviglie della gastronomia.





2. Congelate gli essentials. In particolare il pane. Nonostante io passi tutti le mattine davanti ad un fornaio, non ho mai il tempo per fermarmici. Così, quando ci riesco, compro un panone da 1Kg, ne taglio il minimo indispensabile per la giornata in corso, ed il resto lo affetto e lo metto a fette dentro a sacchetti da freezer. Quando mi serve, tiro fuori le fette necessarie e le metto pochi secondi nel tostapane: torna praticamente fresco (e pure caldo).
Comprare il pane tutti - dico tutti - i santi giorni? impensabile. Buttare via il pane vecchio? inaudito.






3. Congelate scorte e avanzi: non si sa mai e non si butta via nulla. Chi mi conosce sa che in cucina sono mooooooolto parsimoniosa. Una delle storielle più in voga su di me è che cucino sempre per una persona in meno. D'altra parte a me gli avanzi freddi non piacciono, mi fanno passare tutte le fantasie gastronomiche. L'unica occasione in cui cucino "in più" è quando devo preparare il Congelatore Ripieno. Ecco, in quel caso, se mi serve una cucchiaiata di brodo ne faccio un bel pentolone e poi congelo. Per l'occasione ho ritirato fuori anche il dosatore per latte in polvere che usavo con la Pupattola lattante: si è rivelato un ottimo contenitore per mono-porzioni, ed il fatto che siano impilabili è un plus non indifferente nella logistica del Congelatore.





4. Il soffritto: il segreto del Congelatore Ripieno. Non so voi, ma io senza soffritto, non mi sembra neanche di cucinare (grammaticalmente la frase fa schifo, ma rende l'idea). Se sbatto due bastoncini di pesce in forno è un conto, ma se dico di preparare qualcosa allora mi ci vuole il soffritto.
Ma per il soffritto ci vogliono aglio, cipolla, sedano e carota. E posso io avere aglio, cipolla, sedano e carota freschi, dentro il frigo, in qualsiasi momento, a seconda di come mi salta l'ispirazione di preparare qualcosa? OVVIAMENTE NO.
Quindi ecco cosa faccio: quella volta ogni morte di Papa che vado a fare la spesa, prendo una bustata di ingredienti base (quelli sopra) che pare debba soffriggere un muflone asiatico intero, lavo, sbatto tutto a pezzi nel frullatore (che fa molto Kill Bill culinario - il mio prof di Comunicazione Enogastronomica* sarebbe orgoglioso di me) e trito il tutto. Poi prendo le formine per il ghiaccio, e ci metto dentro il trito: ottengo così delle miniporzioni di misto per soffritto da usare a piacere all'occorrenza. Marò, quanto mi piace questa cosa :)
[*sì, perchè scherza e ridi, ho anche un diploma in Comunicazione Enogastronomica. E' lì che ho capito che per mangiar bene è meglio andare al ristorante, oppure vedi punto successivo].


5. Fate lavorare qualcun altro. Io, nel Congelatore Ripieno, le lasagne di Aprovadinonna non le faccio mai mancare. ;-)







Questo post partecipa a "Liberiamo una ricetta - #freearecipe":

<<Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia. Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web.>>

1 commento:

  1. stracopio tutte le ricette del congelatore ripieno e le aggiungo alle mie ciao

    RispondiElimina