martedì 18 dicembre 2012

Le nuove regole di Facebook ed Instagram: che fine faranno le foto dei vostri figli?

Questo è un tema che mi tocca molto, avevo infatti già scritto un post a questo proposito. Ed in passato ho rifiutato di collaborare con degli sponsor che mi avevano chiesto di organizzare concorsi con le foto dei bambini (cosa che molte aziende e siti web "mammeschi" continuano a fare senza scrupoli).


Da qualche tempo Facebook ed Instagram hanno cambiato le loro regole inviando a tutti gli utenti una mail che rimandava ad un lunghiiiiiiiiissimo contratto d'uso. Ci sono molte novità che riguardano i dati e soprattutto le immagini caricate in upload sui due network. Qui vi riporto ciò che ho estratto dall'articolo del New York Times di ieri 17 dicembre su quali saranno le conseguenze, soprattutto sui nostri dati e su ciò che carichiamo sui due social network, in particolar modo le foto.

1. Instagram e Facebook potranno scambiarsi tra loro informazioni a proposito dei loro utenti, e potranno scambiarle a loro volta con parti terze quali i loro sponsor. In pratica chi fa pubblicità su Facebook potrà pubblicare annunci mirati utilizzando informazioni tratte dalle vostre foto su Instagram per conoscere ad esempio i vostri luoghi preferiti, o i vostri hobby.

2. Le vostre foto potranno essere utilizzate per creare annunci pubblicitari anche senza il vostro consenso.
“You agree that a business or other entity may pay us to display your username, likeness, photos (along with any associated metadata), and/or actions you take, in connection with paid or sponsored content or promotions, without any compensation to you” . Significa che foto pubblicate su Instagram possono essere utilizzate per creare annunci su Instagram stesso o su Facebook. Viceversa, anche per chi non usa Instagram direttamente, basta che abbia una foto condivisa da un amico su uno dei due social per potersela ritrovare utilizzata in un annuncio su Facebook o Instagram.

3. Le immagini di minori non sono protette. Per essere iscritti a Facebook o Instagram si deve dichiarare di avere almeno 13 anni, ma mettendo il segno di spunta su "I Agree" si dichiara anche che esiste almeno un adulto consapevole e consenziente all'uso delle loro immagini (e di quelle da loro caricate, qualsiasi sia il soggetto) e dati su Instagram e Facebook.

4. La pubblicità è occulta. I nuovi Terms dichiarano infatti che le pubblicità potranno essere mostrate agli utenti non necessariamente dichiarando che si tratta di pubblicità, quindi in pratica mascherandole da notizie o informazioni richieste dall'utente.

5. L'unica via di uscita è cancellare l'account. Non c'è modo per evitare il cambiamento, l'unico sistema per evitare che vengano utilizzati i nostri dati, le nostre foto, è cancellare l'account.

Pensateci bene prima di caricare le foto dei vostri figli. Lì o in qualunque altro posto.

5 commenti:

  1. Io non carico mai le foto di Pupy, solo qualche piccolo dettaglio, ma mai il viso.
    Nemmeno su fb. Brutta questa cosa di Instagram, mi piaceva tanto..

    RispondiElimina
  2. speriamo che le lamentele generali servano a cambiare qualcosa...

    RispondiElimina
  3. Grazie per questo post. Avevo ricevuto la mail di FB ma non mi ero presa la briga di leggere (male!!!). Io sono contraria alla pubblicazione di foto di bimbi in rete, sia su FB che sul mio sito. Faccio eccezione (poco volentieri) solo quando devo fare un post per uno sponsor che ha immagini di cataloghi (es. abbigliamento) e dobbiamo per froza mostrare il prodotto, che spesso viene mostrato indossato.
    Condivido il tuo post su FB. Ciao cara e buon Natale!

    RispondiElimina
  4. Mi viene spontanea una domanda, ma se cancello l'account si cancellano anche le foto fatte in precedenza o oramai quelle son perdute?

    RispondiElimina
  5. pare che Instagram dopo tutta questa mobilitazione online abbia parzialmente ritrattato, ma agli utenti non sono ancora arrivate comunicazioni ufficiali.

    RispondiElimina