lunedì 5 novembre 2012

Abbigliamento design in cotone bio per bambini: Balò Kids

Barbara è una mamma attenta al design, con una passione per il Giappone ed i Paesi Nordici, rifugiatasi nello shopping online quando si è trovata a spingere per negozi un passeggino doppio con doppi bimbi urlanti!
Ma il suo rifugio lo ha messo a disposizione di tutte le altre mamme e papà che come lei non si accontentano, e vogliono per i loro bambini capi innanzitutto comodi per saltare e giocare, in cotone possibilmente BIO se non addirittura riciclato e certificato, e con un grande must: COLORE! COLORE! COLORE!



E così dal suo shop online, Balò Kids, Barbara mi ha inviato due capi da provare, lasciandomi scegliere fra il suo ampio catalogo.
Quando è arrivato il pacco ho notato subito la sua attenzione per il design: un packaging così originale non l'avevo mai visto!


Ed ecco quali sono i capi che ho scelto.





Un pantaloncino in cotone Love Chocolate firmato Kram Barnklader, una stilista svedese che propone abiti per bambini unisex, colorati e ispirati agli anni '70, con un'attenzione particolare alla vestibilità.

Questo pantaloncino infatti ha una fascia in cotone elastico molto alta in vita, in modo da poter essere indossato sia con la fascia ripiegata, più bassa, che alta e distesa sulla pancia: è una protenzione in più per il pancino e un modo per distribuire l'elastico sul corpo del bambino in modo da non infastidirlo. Sono morbidissimi, per la Pupattola saltellante davvero perfetti!


Ai piedi hanno un polsino morbido in cotone elasticizzato, così non scivolano (anche a piedi nudi).




Per un tocco di femminilità ho optato anche per una gonna a doppia balza "Big Apple" in cotone bio certificato, di Katvig.

Il bello di questa gonna non è soltanto il suo design, ma il modo in cui il tessuto di cui è fatta viene prodotto. Purtroppo, infatti, la coltivazione del cotone è fra le più inquinanti del mondo, a causa di un enorme dispendio di acqua - di cui spesso vengono private le popolazioni delle zone in cui è coltivato il cotone - e dell'ampio uso di pesticidi per aumentare la produzione.


Il cotone di Katvig, invece, è certificato come cotone bio e riciclato: il tessuto è ottenuto in parte da coltivazioni biologiche, ed in parte dal recupero degli scarti di lavorazione del cotone biologico.  Un modo per aumentare la produzione senza incidere negativamente sull'ambiente e le popolazioni.


Se siete in cerca di capi "insoliti" in vista delle feste, ma rispettosi dell'ambiente, fate un salto in questo online-shop: Barbara ha in serbo coloratissime sorprese!



.

4 commenti:

  1. Ciao Maricaaaa...urge una tua delucidazione...vorrei comprare una tutina da regalare, ma non so come vestono le taglie:sono indicati solo i mesi e non i cm....acc...Un bacione Claudia

    RispondiElimina
  2. Ciao Claudia! la vestibilità è piuttosto buona, i capi sono abbastanza ampi; secondo me devi più che altro tenere presente che è tutto COTONE (maglina di cotone, cotone rasato, ma non felpe) quindi considera che nella stagione invernale dovrà essere indossato con aggiunta di strati, oppure rimandato a primavera, quindi calcola la taglia in funzione di questo.

    RispondiElimina
  3. Io ho trovato una linea di vestitini in cotone tenerissima, fanno 0-24 mesi è marchiata filobio che peraltro é made in italy!!!! Li ho acquistati in provincia di brescia presso "mondo bimbo" a montichiari via cesare battisti 1

    RispondiElimina
  4. Salve,

    mi chiamo Gianna e lavoro per http://www.biosolex.com un negozio on line di Giocattoli Ecologici per Bambini e Neonati.

    Noi siamo sempre alla ricerca di blog interessanti, mi ha colpito molto il vostro, mi piacerebbe, se fosse possibile, poter collaborare e far conoscere la nostra attività attraverso il vostro blog.

    Noi abbiamo dei prodotti molto particolari, come i giochi in legno della Hape Toys, uno dei maggiori produttori mondiali di giocattoli in materiali sostenibili, al tempo stesso creativi ed eco-compatibili.
    http://www.biosolex.com/hape/

    Resto in attesa di un suo riscontro.

    Cordiali saluti,
    Gianna Pellecchia.

    RispondiElimina