giovedì 13 settembre 2012

Sala d'attesa kid-friendly in due mosse

Alcuni di voi avranno già visto questa foto: l'avevo pubblicata sulla pagina Facebook di A Prova di Mamma qualche tempo fa. Ne vado così orgogliosa, però, che ho deciso di dedicarle un post tutto suo.

Quello nell'immagine è un angolo della sala d'attesa dello studio di Aprovadibabbo. Spesso capitano dei bambini, per fare delle cure essi stessi o perchè accompagnano i genitori.
Fino a poco tempo fa il massimo dell'intrattenimento era un tavolino basso con due pupazzetti, una vera tristezza. Se poi si considera che ai bambini non piace aspettare, questa sala d'attesa era veramente lo specchio di "come non deve essere" una sala d'attesa.

Ma da quando c'è Aprovadimamma... eh, beh, la classe non è acqua... è tutta un'altra cosa!
E così ho dato una svolta al piccolo spazio dedicato ai bambini in due semplici (ed economiche) mosse:



1a mossa: COLORE e PRATICITA'

Ho sostituito il tavolinetto con un tavolino contenitore di Ikea, colorato ed in materiale facilmente lavabile. Ho associato due sgabellini della serie Mammut per completare l'arcobaleno.
Il tavolo-contenitore ospita al suo interno alcuni giocattoli che vengono tirati fuori "a rotazione" in modo da avere sempre qualcosa di nuovo e di diverso da offrire ai bambini.

Ho cercato di selezionare solo giocattoli facilmente lavabili, in modo da sottoporli spesso ad una pulizia efficace e rapida al tempo stesso, per garantire l'igiene per tutti i bambini. Purtroppo però non sono riuscita a convincere Aprovadibabbo a non utilizzare peluches e animali di pezza. Quelli che vedete nella foto li aveva scelti lui personalmente quando siamo andati all'Ikea, e proprio come un bambino non ha voluto disfarsene. Eh, con i figli...aehm, mariti, ci vuole pazienza.

Alle pareti ho applicato degli stickers in vinile. Vado pazza per questi stickers, primo perchè sono sottilissimi e danno proprio l'impressione di essere dipinti sul muro anche a distanza ravvicinata; secondo, perchè li ho trovati in un centro per bricolage in offerta "fine serie" e li ho pagati pochissimo, solo 5 euro a confezione, e quelli che vedete nella foto non sono neanche una confezione intera (sì, a casa ho la scorta ;-> ). Se non li trovate, online avrete certamente una scelta molto ampia, anche per averne di personalizzati: una disegnatrice molto in gamba che li realizza su misura è ad esempio Elena di Elegrafica, vi consiglio un giro sul suo sito se siete interessati.



2a mossa: LIBRI, LIBRI, LIBRI

Non tutti i bimbi amano leggere, ma tutti amano guardare immagini colorate e farsi raccontare storie. Così ho pensato che arricchire la polverosa pila di riviste di cucina/motori/moda/pettegolezzi/fanfullamenti vari con una ricca collezione di libri per bambini non solo ravvivasse l'ambiente in modo piacevole per tutti, ma permettesse anche ai bambini ed ai genitori di trascorrere l'attesa facendo una cosa meravigliosa: leggere insieme.

La "AprovadiBiblioteca" è ancora agli inizi, ma la sto arricchendo piano piano con edizioni sempre nuove. Per ora ho sgraffignato qualche libro alla ignara Pupattola per cominciare, ma spero che arrivino presto nuovi volumi. Ho anche ricevuto adesioni entusiaste da alcuni genitori-pazienti, che si sono offerti di portare alcuni libri dei loro figli per arricchire la biblioteca. Sono fin troppo generosi: io non riuscirei mai a dire addio ad un libro! (beh, a parte quelli di Morelli, forse ;-p ).


Grazie di aver condiviso con me questa mia piccola prova di ristrutturazione! Spero vi sia piaciuto.


.

3 commenti:

  1. Avevo vito la foto su Fb e mi era piaciuta molto l'idea. Non so che lavoro di preciso faccia il babbo ma devo dire che questo angolo per i bimbi è molto carino. Dovrebbero tutti gli studi pensare anche ai bimbi.
    Io sono mamma da poco e onestamente poco tempo fa non ci pesavo a queste cose. Ora ovviamente vedo le cose da un'altra angolazione.

    Hai fatto un ottimo lavoro.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione Uti: ci si accorge solo "a bimbo fatto" di quanto siano necessari presso gli spazi comuni degli angoli per bambini e famiglie! nei ristoranti, negli uffici pubblici, negli studi privati...

    RispondiElimina
  3. Che idea creativa.
    Visto che per me l'anno inizia a settembre sono passata ad augurare buon inizio!

    RispondiElimina