venerdì 20 aprile 2012

Realizzare l'angolo della creatività in casa

Sarà che Aprovadimamma sente nell'aria odore di trasloco da troppo tempo, fatto sta che ultimamente tralascia tutte quelle belle attività da brava donnina di casa come il decluttering (detto anche "mettiamo un po' a posto").
Allo stesso tempo ha una insana voglia di novità, di primavera, di colore, di felicità e di una vita nuova (mmmh, dite che è troppo...?).

Così ha deciso che se mai ci sarà un nuovo inquilino nella piccola casa, dovrà comunque dare una bella imbiancata, e allora tanto vale sfogarsi ora e lasciarsi un po' andare ad uno dei suoi sogni nel cassetto fin da quando era piccolina: disegnare sul muro.
Deve essermi venuta da qui la mania per i wall stickers, fra cui - in particolare - questo:


A ciò unite anche una certa invidia per le amanti del fai-da-te, e uno psicodramma degno di Freud secondo cui la mia vena artistica infantile è stata bruscamente seccata sul nascere (da cui il Blog Candy artistico di qualche giorno fa).

Allora ecco cosa ho fatto:

- ho sgombrato la zona ButtaLà (anche voi avrete una zona ButtaLà da qualche parte, no? una di quelle dove finisce ammassata la qualunque perchè tanto lì c'è posto. No? Non l'avete? umpf, vi devo insegnare tutto...)

- ho staccato dall'abum della Pupattola alcuni suoi disegni particolarmente interessanti (il criterio per cui una manciata di sgorbi su un foglio è interessante è lo stesso per cui ogni scarrafone è bello a mamma sua, mi pare ovvio).

- Ho attaccato con il multi-tack i disegni al muro, incluso l'arcobaleno dell'amichetta quattrenne


- Ho preso una matita e ho dato il via al mio sogno nel cassetto


- Poi ho preso i matitoni della Pupattola e ho riempito di colore. Tra l'altro ho scoperto che la texture irregolare del muro donava un effetto felicemente particolare al colore.


- Ho piazzato il tavolino e le seggioline (Latt di Ikea) nella zona e voilà, l'area Creazioni Artistiche Pupattola's pronta per l'uso. C'è spazio anche per le prossime ispirazioni...


Nessun commento:

Posta un commento