sabato 21 gennaio 2012

Sorridi, stai partorendo! Il gas esilarante durante il parto

Oggi esco un po' dai miei canoni, e vi propongo una mia esperienza personale di uso del gas esilarante. Lo sapevate che può essere usato come analgesico durante il parto?

Sono una mamma che ha partorito con epidurale, e ringrazierò sempre Aprovadibabbo per aver insistito tanto nel farmi scegliere questo metodo analgesico durante il parto.
Ci sono però donne che non desiderano ricorrere a questo metodo, altre che hanno avuto una brutta e dolorosa esperienza nonostante l'epidurale, altre ancora che la temono in quanto metodo invasivo e non privo di rischi.
Così mi sono incuriosita quando ho letto questo articolo sull'introduzione del Protossido di Azoto come analgesico durante il travaglio.

Il Protossido di Azoto (N2O) è un gas, conosciuto anche come Gas Esilarante, per via dei suoi effetti euforizzanti. Secondo i medici, il protossido di azoto non avrebbe la capacità di rimuovere il dolore del travaglio, ma ridurrebbe in intensità i picchi dolorosi delle contrazioni, in modo da renderle più sopportabili.
La sua somministrazione avviene per inalazione: basta una mascherina da avvicinare a naso e bocca per riceverne velocemente i benefici. Può essere autogestita dalla donna, che decide da sola quando inalare dalla mascherina al bisogno. Ha effetto nel giro di circa 1 minuto e può essere usato a intermittenza.
Potrebbe così essere una valida alternativa sia per quelle donne che non desiderano ricorrere all'epidurale, sia soprattutto per quelle che non possono più farlo perchè già in fase inoltrata nel travaglio.

La cosa "divertente" è che io l'ho provato!
Non in sala parto però, bensì all'Università (no, non facevo parte di strane sette goliardiche, non vi agitate...!). Si trattava di un esperimento in laboratorio fatto durante il mio anno in UK. Il corso di Farmacologia prevedeva di farti "toccare con mano" gli effetti di certe reazioni chimiche (in questo sono troppo avanti!), e così fummo messi davanti ad una bella serie di bombole dotate di mascherina da inalazione. Alcune di queste bombole contenevano protossido di azoto ospedaliero, altre placebo, ovvero aria compressa. La distribuzione a ciascuno di noi doveva essere casuale per poter garantire la validità dei risultati dell'esperimento.
Ovviamente a me cosa capitò? Manco a dirlo, un bel bombolone di protossido di azoto, decisamente. La mente si annebbiò subito, ma di una nebbiolina leggera e piacevole... "uh che bello... che, me ne date un altro po'?...". L'esperimento fu riuscitissimo: tenere una mano nel ghiaccio fino a quando non sentissimo fastidio. Inutile dire che io ce la tenni parecchio, certo di più di quei poveracci a cui toccò solo l'aria fritta... aehm, compressa.

L'effetto del gas sparì subito molto velocemente (anche se mi fecero firmare un disclaimer con cui mi invitavano a non uscire dall'Università per i 30 minuti successivi).
Insomma, il dolore dovuto all'ipotermia l'ho sentito lo stesso, ma c'è voluto molto di più a percepirlo rispetto a coloro che non avevano inalato il gas. Quindi immagino che sì, potrebbe essere un aiuto durante una fase così delicata come il travaglio di parto.

In Italia l'uso del protossido d'azoto in ostetricia è usato presso alcuni ospedali, mentre è diffuso da 40 anni in UK, e di uso comune in Canada. All'Ospedale Meyer di Firenze e al Santobono di Napoli viene utilizzato anche in ambito pediatrico proprio per la sua facilità d'uso.
Se vi interessa, proprio in questi giorni (27 gennaio 2012) si terrà all'Ospedale dei Bambini Buzzi di Milano un convegno dell'AOGOI sul tema "Protossido d’azoto per il Dolore del Bambino e della Donna durante il Parto".

2 commenti:

  1. mi pare che in alcuni programmi televisivi ambientati in america, per esempio sul parto in casa, lo usino...
    io durante il cesareo ho provato il fentanest perchè sentivo mettere i punti... vi dirò che l'effetto è simile...
    un grande trip ma i dolori li sentivi lo stesso solo che non te ne fregava niente!

    RispondiElimina
  2. tipo "uh che male :D oh che dolore :D "? ...hihihi...

    RispondiElimina