martedì 10 gennaio 2012

#scusaildisordine non si dice più neanche a casa mia

Ci sono cose a cui non si può resistere.
La chiamata di Genitori Crescono per #scusaildisordine è irresistibile. Come un gelato al limone d'estate, un bagno caldo d'inverno, un sano "ma\_/affan[ul0" quando ci vuole ( e che pensavate, di star leggendo il blog di Biancaneve?).

Quante volte avete sfogliato un catalogo Ikea e immaginato di vivere in una di quelle stanze così bene organizzate? O magari avete sognato tra le pagine di una rivista di arredamento, quelle con le case che si affacciano sul paradiso e sono piene di particolari di design?
E invece la vostra vita, da quando avete figli è tutta un’altra cosa. La casa è in disordine e voi non osate invitare un’amica a prendersi un caffé per la vergogna. Soprattutto visto che la volta precedente, quando voi siete andati a trovarla, lei vi accolto con il sorriso dicendo “scusa il disordine” e invece potevate specchiarvi sul pavimento…

Il vostro pavimento invece è perennemente sporco e vi distruggete di sensi di colpa a vedere il vostro ottomesenne gattonare. Ad ogni visita di vostra suocera (o mamma, che forse è peggio!) tirate tutto a lucido nella speranza di evitare i commenti più acidi, che intanto arrivano lo stesso.
[...] Il nostro disordine dobbiamo imparare a raccontarlo come una filosofia! Trasformeremo così i nostri grovigli, in magnifici set per riviste di arredamento. Da domani casa nostra sarà degna di AD, così com’è!
Rispondo quindi all'esercizio terapeutico proposto da Serena e Silvia: mostrare la propria casa così com'è, con il suo caos familiare.

E aggiungo una cosa, un consiglio spassionato per tutte: SMETTETE DI STIRARE. Fa benissimo alla salute e si risparmia energia elettrica. Tutto sta nello stendere ben benino i panni. Dopo cinque minuti che li avete addosso, nessuno si accorgerà più che non sono stirati comunque.

Mi immolo con questo post che, sono certa, avrà presto spazi più ampi su Arredamento & Dintorni (soprattutto su Dintorni).



Ecco l'Aprovadicasa:

Ogni casa ben gestita da una mamma-manager di se stessa ha bisogno di un efficente ancolo per le apparecchiature digitali. Un vano contenitore è ottimo per risolvere problemi di spazio e per avere tutti i cavi a portata di mano. Raccoglitore di Ikea, cornice Handmade.


E' importante saper dare alla casa un tocco originale con il giusto blend di modernità e tradizione. Un pezzo antico, come una cassapanca di famiglia, accostato a sedie di design, sfruttando il volume di una nicchia, saprà essere un valido aiuto negli spazi di passaggio. Scatola Cubovision Telecomitalia ('na ciofeca, ndr). Sedie Ikea.


In cucina è importante avere sempre tutto a portata di mano. Il comodo ripiano creato dal forno a microonde saprà capientemente ospitare stampi da torta, medicinali e utensili. Praticamente indispensabile. Bilancia regalo di nozze. Bustina di Nimesulide.


Tenere lo stendino per i panni sempre aperto nel mezzo della cucina può sembrare uno scomodo ingombro, ma è un trucco delle antiche tribu Sioux per ottimizzare il tempo e lo spazio della madre Terra (beh, della Madre, più che altro). Calzini Mercato Settimanale.


Concludiamo la rassegna dell'Aprovadicasa con un tocco glamour, dato dagli stickers animalier posati a regola d'arte sulle ante della scarpiera - portatutto. Basta poco per fare di un banalissimo Pax un elemento che catturerà l'attenzione di qualsiasi ospite. :)

9 commenti:

  1. A me il tuo disordine sembra molto ordinato, comunque.....
    Qui a Casa-design ci sono giochi ovunque, come cammini!

    RispondiElimina
  2. la mia frase preferita è "è tutto relativo" :)

    RispondiElimina
  3. splendido. assomiglia molto a casa mia ;)

    RispondiElimina
  4. Fantastico!!!Davvero.Fino a qualche minuto fà credevo di essere l'unica al mondo ma ora mi sento decisamente meglio.Amiche disordinate,mamme a tempo pieno,e mogli tuttofare GRAZIE D'ESISTERE!!!!!Con affetto Alla.33 anni,mamma da 4 anni,operaia tessile full time,casalinga della serie"dove arrivo ci metto il segno",oppure"non lasciare a domani quello che puoi fare dopodomani".ciao.

    RispondiElimina
  5. ah, che sollievo, pensavo di essree l'unica a temere che se entrassero i Nas a casa mia metterebbero i sigilli!! se vuoi ti mando qualche foto del casino...spolverare, cos'è???? stirare????? pavimenti???? e ancora di gattonare nn se ne parla, ma quando tra 3 mesi mi toccherà...se ne riparlerà!

    RispondiElimina
  6. @monica: facciamo un gemellaggio? tipo auto-aiuto: "Tu hai spolverato oggi?" - "No" - "Ah, ok, ora sto meglio". :-D

    @Seavessi: Seavessi adorata! :-* bastasse questo per essere un genio!

    @Alla: ti ho stra-citato su facebook! http://www.facebook.com/AProvadiMamma/posts/285424178173501?notif_t=feed_comment

    @Valy: tranquilla, si fa gli anticorpi :-p

    RispondiElimina
  7. Grazie...ora mi sento meno in colpa se giro la testa e guardo la mansarda:-)

    RispondiElimina
  8. Ti adoro.... Purtroppo io vivo con l'unico uomo maniaco delle pulizie esistente sulla faccia della terra, il quale, abilmente istruito dalla suocera, in casa della quale si puo' mangiare per terra tanto e' pulito, mi ossessiona la domenica con la sua sindrome del filippino. La cosa bella e' che pulisce casa lui, mentre io e la nana 8mesenne ci nascondiamo da qualche parte. Al mio ritorno vengo minacciata di uxoricidio se non uso i suoi mille straccetti x asciugare lavandini/ acquaio dopo ogni utilizzo...... A me resta il compito di lavare, stirare, e far da magna, x i quali nn ha lamentazioni... X fortuna, se no gli straccetti se li mette..... ;-)

    RispondiElimina