giovedì 12 gennaio 2012

A bambola donata non si guarda in bocca, ma se è brutta è brutta.

Aprovadizia è azzoppata.
E' andata a sciare e si è rotta il legamento.
Ma nessuno ferma Aprovadizia. Aprovadizia sa, fa, va. Sempre.
Così, prima di tornare a casa, trascinandosi dietro il peso del donjoy e del sacrificio, la forza dell'umana ziitudine ha condotto lei ed il suo tutore da ginocchio in un negozietto d'artigianato tipico-fatto-a-mano-unico-al-mondo style. Qui ha acquistato una bambola per la Pupattola, per la quale avrà sicuramente anche sborsato diversi soldini.

La bambola è questa:



Ora, voi capite che i casi sono due:
1. o tu hai un numero di anni sufficiente a farti apprezzare il concetto di hand-made, artigianato, tipicità, consumo critico e turismo consapevole, nonchè a farti ipotizzare che magari il regalo sia stato acquistato in un delizioso negozietto tirolese pieno di altre cose carine tipo questo


2. oppure hai due anni e tre mesi, il tuo background culturale ed iconografico è ancora limitato, e di conseguenza il tuo concetto di bambole è un tantinino diverso.


Ma la Pupattola ha saputo essere all'altezza della situazione. Con entusiasmo ha aperto il pacco contenente la bambola assassina... aehm, fatta a mano, l'ha guardata, ha guardato Aprovadizia che le chiedeva sorridente e carica d'aspettativa "Ti piace?", in educato silenzio ha posato la bambola e con dignità ed eleganza ha girato il suo nobile culetto e se ne è andata.
Poi mi ha guardato, e con una trasparenza d'animo che solo i bambini sanno avere ha detto: "Era brutta".

10 commenti:

  1. è una ragedy anne, una bambola americana d'origine ma che spesso viene fatta a mano!
    obiettivamente questa è la sorella di chucky la bambola assassina!

    RispondiElimina
  2. Come dare torto alla piccola? In effetti e' proprio brutta...hihihihi!!

    RispondiElimina
  3. appunto: con tutto il bene per le Raggedy Anne, questa sembrava uscita dal un film horror.

    RispondiElimina
  4. Non è bello ciò che è bello, ma che bello che bello che bello..direbbe paperino...cmq allontana ogni corpo contundente da quelle manine ripiene...

    RispondiElimina
  5. Grandissima Pupattola!

    RispondiElimina
  6. HAHAHA....ma Aprovadizia legge il blog? :D sicurasicurasicura??? ;)

    RispondiElimina
  7. Purtroppo alcune bambole, a volte si perdono, oppure escono dall'armadio solo alla visita della zia :-)

    RispondiElimina
  8. @sofofia: SI, Aprovadizia legge il blog!

    @pommereinette: geniale!

    RispondiElimina
  9. Che situazione difficile... io ancora ricordo la delusione di un regalo simile (una bambola di paglia intrecciata, tipica di non so dove) da bambina. La mia impressione è che questi prodotti così come i giocattoli vintage (tipo la trottola) o etnici (tipo bambole dal mondo) siano per un mercato di adulti principalmente, e che i bambini li subiscano di riflesso. Al momento il giocattolo preferito di mia figlia è la carta lucida e colorata che avvolge i regali, speriamo questa fase duri per parecchio ;-)

    RispondiElimina
  10. la Pupattola ha due anni, e quando le ho chiesto "cosa vuoi per natale" ha risposto "Uffa, niente mamma" (come per dire, non mi scocciare che ora sono impegnata a giocare). Anch'io spero duri parecchio! ;)

    RispondiElimina