venerdì 30 settembre 2011

Come dire "NO"

Un cartello (anche fai-da-te) per mettere d'accordo tutta la famiglia su cosa è vietato.

In famiglia ci sono delle regole. Da "non si tocca, è cacca!" a "questa casa non è un albergo" via via che i figli crescono.

Ma anche i figli potrebbero voler dire la loro. Perchè il fratello non tagli i capelli alla bambola preferita, o perchè la mamma non si mangi tutte le mentine che la nonna ha regalato all'ultimogenito.

Imparare a rispettare i confini è un passo verso l'età adulta, e un segno di rispetto verso chi condivide i nostri stessi spazi. Ecco perchè mi è piaciuta l'idea di questo cartello.




Lo si trova in alcuni negozi di gadget per l'ufficio (manco a dirlo, è stato pensato perchè il vicino di scrivania non ti freghi le sigarette), ma può essere un punto di partenza per mettere in chiaro certe regole anche in casa.
Potete anche farvelo da voi: un cartone, un pezzo di elastico, e un "NO". Non serve nient'altro, anzi, non deve esserci nient'altro: è la chiave di una comunicazione visuale diretta e comprensibile, anche da parte dei più piccoli.

Ciò che viene di volta in volta messo all'interno del divieto, non si tocca, che sia il cellulare di papà, gli orecchini di mamma, la stecca di cioccolato o l'osso del cane.
Ce ne può essere uno per ogni membro della famiglia, una sorta di custode visivo delle promesse da mantenere. Al posto di un oggetto da non toccare, possiamo mettere dentro l'elastico un disegno, fatto magari dal bambino stesso, di una situazione da non ripetersi, come tirare la coda al gatto o i capelli alla sorellina.

Con un po' di buon senso, può essere applicato a molte situazioni diverse. Basta ricordarsi che il cartello è solo un punto di transito verso una buona educazione, fatta di spiegazioni, dedizione, rispetto e pazienza (uh, la vendessero a sacchi, quella...).

2 commenti:

  1. fantastico!
    ne voglio subito uno anzi due... facciamo 'na decina

    RispondiElimina
  2. @mammasuperabile: conoscendo il tuo blog, non ti sarà difficile farli e farli bellissimi!

    RispondiElimina