venerdì 12 agosto 2011

Kit trio car per ancorare la navicella all'auto

Un kit indispensabile, ma poco baby-friendly.

Se utilizzate la navicella per trasportare il neonato in auto avrete certamente bisogno di un kit che vi permetta di trattenere il bambino al fondo della stessa in caso di impatto, a meno che questa non ne sia già dotata dal produttore. La normativa vigente stabilisce infatti l'obbligo di un sistema di ritenuta anche per i neonati trasportati con questo sistema.

Avendo utilizzato un trio Chicco, ho provato il kit trio car della stessa marca. Il kit è composto da due ancore rosse per collegare la navicella all'auto tramite le cinture di sicurezza, e da un cinturone chiuso con velcro per trattenere il bambino.
Le due ancore collegano la navicella alle cinture di sicurezza dell'auto, sul sedile posteriore. La navicella infatti non deve essere utilizzata sul sedile anteriore. Un nastro a velcro si inserisce invece sotto il materassino della carrozzina, facendolo fuoriuscire all'altezza dei fianchi del bambino: lo si chiude poggiando una estremità sull'altra, all'altezza della pancia del bimbo.

Io lasciavo sempre le ancorine rosse in auto, con le cinture di sicurezza già inserite, perchè è molto più facile e veloce agganciare le ancorine alla navicella che non le cinture alle ancorine. Poi riponevo il nastro a velcro sotto il materassino in modo da lasciarlo dentro la navicella anche quando la utilizzavo fuori dall'auto, per non toglierlo tutte le volte. E' molto schiacciato, quindi si infila sotto il materasso e il bimbo non lo sente.
A volte confesso che mi sorge il dubbio sull'effetiva efficacia di questo sistema, dato che la navicella, sui sedili dietro, è comunque poco ferma, perchè le cinture non la trattengono immobile. Ma ciononostante non rinuncerei mai ad un sistema che anche solo minimamente protegga la mia Pupattola durante un viaggio in auto - primo fra tutti un comportamento di guida prudente!

Il più grande svantaggio del sistema è il velcro, che è davvero molto ruvido e rigido. La Pupattola si innervosiva sempre un po' quando lo chiudevo, probabilmente perchè si sentiva costretta. Allora talvolta lo chiudevo solo dopo averla coperta con lenzuolo e copertina, ma l'ingombro diventava eccessivo per il nastro che - tra le altre cose - è anche piuttosto corto. Così la chiusura era limitata all'estremità del nastro, lasciando scoperta buona parte della porzione più ruvida, a cui finivano per agganciarsi copertine e maglioni, per non parlare di quando la bimba rischiava di stropicciarci sopra le delicatissime manine

Un accessorio irrinunciabile, ma che merita ancora un po' di rivisitazione nei materiali e nel design.


Dove lo trovo?
Trovi un modello simile presso l'e-commerce affiliato BuyBaby. Cliccando su questo link, il tuo acquisto contribuirà a sostenere anche A Prova di Mamma. Grazie.

1 commento:

  1. ho acquistato un trio chicco ed inevitabilmente ho preso a parte questo Kit, abbiamo provato a montarlo ma non è che sembri poi un grenché sicuro la navetta continua comunque a dondolare e tra l'altro in giro non si trova uno straccio di video che faccia vedere come si monta anche se tanto l'abbiamo montato bene...insomma a vederlo sembra solo una cosa inutile

    RispondiElimina