venerdì 19 agosto 2011

Il salvagente Swim Trainer per imparare a nuotare

Ha un design particolare studiato per favorire la corretta posizione in acqua, ed imparare prima e meglio i giusti movimenti del nuoto.

La prima volta che ho avuto a che fare con questo salvagente sono rimasta un po' perplessa dalla sua "stazza": decisamente ingombrante, a causa delle due camere d'aria separate, e del sotto-pancia di sostegno. Col tempo però ci ho studiato su, ho chiesto anche ad altre mamme che lo hanno provato, fra cui BNC (grazie per la consulenza!), e sono anche stata da un'istruttore di nuoto a chiedere il suo parere.

Alla fine mi sono convinta che lo Swim Trainer di Freds Swim Academy abbia davvero un suo perchè (mi deve perdonare, signor Freds Swim, lo so che Lei ci ha studiato e investito, prima di rischiare la carriera mettendo sul mercato un carabattolo che non funzionava, ma sa, io sono un po' alla San Tommaso...).

La forma dello Swim Trainer è a ferro di cavallo, anzichè circolare come le comuni ciambelle da mare. Questo non solo facilita l'operazione per farla indossare al bambino, ma contribuisce insieme al sotto-pancia a far tenere al bimbo una posizione il più possibile sdraiata in acqua, portando il peso (e la testa) in avanti e le gambe verso l'alto, in superficie. Le ciambelle comuni invece fanno stare il bambino in verticale, in una posizione più stazionaria, e non favoriscono il nuoto.

Il bambino poggia le ascelle sulla camera d'aria colorata, e la pancia sul sotto-pancia. Le bretelline, unite da una clip, devono poi passare sopra la testa del bambino verso la schiena. Qui vengono unite ad una cintura di sicurezza che altro non è che un proseguimento del sottopancia. Tutti questi elementi sono gonfiabili, e devono essere gonfiati per garantire la sicurezza del bambino.

Questa formula a ferro di cavallo, insieme alle bretelline, alla cintura e alla doppia camera d'aria (tra l'altro inmateriale plastico molto resistente), contribuisce poi a far avere al bambino una posizione più sicura ed anti-ribaltamento, nonostante il peso portato in avanti. Inoltre, grazie alla sua notevole consistenza (niente a che vedere con un salvagente da bancherella da pochi euro, che si buca alla prima occasione) siete sicuri che potrete usare lo Swim Trainer per molte estati a venire.

Io, ad esempio, ho usato la misura Rossa (8-18 Kg): con l'intenzione di iniziare subito la Pupattola all'acqua e al nuoto, questa misura è adatta già a bimbi di circa 8 mesi, fino ai 3-4 anni. Esiste poi la misura Arancione (15-30 Kg) e Gialla (20-36 Kg) a seconda del peso del bambino.

Devo dire che ho anche incontrato qualche piccola difficoltà nell'utilizzo. Innanzitutto mi è sempre stato molto difficile gonfiarla a causa delle valvole che non avevano una buona tenuta, e tendevano a perdere aria non appena allontanavo la bocca, così il salvagente non era mai perfettamente gonfio e turgido: nella foto si vede il risultato di un tentativo di gonfiaggio decisamente mal riuscito, soprattutto sulle fasce bianche della cintura di sicurezza, piene di grinze. Mi sorge comunque il dubbio di aver trovato io un modello un po' difettoso, perchè è un problema che nessun altro mi ha riferito.


Una seconda difficoltà è stato farlo indossare alla Pupattola. Urla e pianti. In effetti la Pupattola questa estate ha un'età un po' delicata: non così piccola da essere incosciente di ciò che le si fa fare, non così grande da rendersi conto di cosa le si fa fare. E così, nel vedersi avvitare addosso cotanto anellone rosso, e nel farsi imbragare con cintura di sicurezza e beretelle, sbraitava come un'indemoniata. Tra l'altro il sistema di chiusura prevede che le bretelle passino sotto la cintura, e che vengano chiuse da una clip che deve avere il maschio al di sopra della cintura e la femmina al di sotto della stessa. Ad un passo dall'impossibile, con una bimba che non vuole farsi mettere il salvagente.


A parte questo, credo che lo Swim Trainer valga l'investimento di circa €20, fosse solo per il livello di sicurezza che dà in acqua, infinitamente superiore a quello dei comuni salvagenti.

2 commenti:

  1. confermo lo abbiamo usato con soddisfazione per entrambe le papole, sia in piscina sia al mare entrambe le volte nella fascia di età 8-11 mesi. E' alleato indispensabile quando sono sola con tutte e due. Quest'anno papolapiccola ha sgambettato contenta e spesso si è fatta anche delle belle dormite cullata dalle onde (ma lei è ancora in quell'età in cui riesci (più o meno) a farle fare quello che vuoi.) L'aspetto migliore sicuramente l'affidabilità

    ps. bello il nuovo look...mi piace assai:-)

    RispondiElimina
  2. Bello...lo dovrò provare visto che quello coi buchi per metterci le gambine lo rifiuta categoricamente!!!

    RispondiElimina