mercoledì 15 giugno 2011

Riflessioni di una mamma alla prova

L'altra sera la tavola era variopintamente imbandita. Innanzitutto due posti tavola completi: piatto, bicchiere, posate e uno strappo di carta da cucina in guisa di tovagliolo. A contorno, nell'ordine, una scatola di biscotti per la colazione (vuota), un cucchiaio di legno, un barattolo di caffè solubile ('ché a Aprovadimamma la mattina sta fatica fare il caffè), una confezione di cerottini disinfettanti (anch'essa vuota), quattro paia di calzini della Pupattola, più uno spaiato.

Di fianco a cotanta tavola, il seggiolone, con sopra una Pupattola linda, pulita, intonsa, che pareva appena uscita da un defilè. L'avevo appena riportata a casa dopo un pomeriggio da Aprovadinonna, dove era stata accudita, ascoltata, coccolata e rinfrescata. Aprovadinonna le aveva messo il vestitino a pallini, i calzini in tinta, i sandalini rosa. In pratica la Pupattola, dopo un pomeriggio di gioco in giardino, era tornata a casa più pulita e fresca di prima.

Perchè sulla tavola di Aprovadinonna non troverete mai un paio di calzini di fianco a un barattolo di caffè solubile. Accanto al piatto di Aprovadinonna sarà difficile che ci sia uno strappo di carta da cucina, male che vada troverete un tovagliolo di carta in colore abbinato a quello della tovaglia. Perchè il pavimento di Aprovadinonna è molto più pulito di qualsiasi paio di calzini io possa far indossare alla Pupattola: sinceramente mi viene il dubbio che sia il pavimento a pulirle i calzini quando ci cammina scalza.

Il pavimento di Aprovadimamma invece è un campo di battaglia, su cui viene dato l'aspirapolvere una volta ni e una volta forse. La cena viene sempre preparata all'ultimo momento e alla velocità della luce, e quando Aprovadibabbo propone "Andiamo a prendere due pizze?" non si dice mai di no (lo so, qualche giorno fa ho mentito).

Tutto questo per dire che Aprovadimamma ce la mette tutta, ma proprio tutta, per mettere insieme casa, lavoro, blog e soprattutto Pupattola, ma MAI, MAI riuscirà ad essere a prova di nonna, e questo le dispiace un po'.

7 commenti:

  1. vuoi che ti mandi una foto del mio tavolo?
    ci sono nell'ordine
    cartellina con documenti, bavaglino,un paio di calzini, chiavi, bottiglia dell'acqua vuota, almeno un pc, due bottigline di succo vuote, spazzolina della chicco, pupazzetti vari, stikers, almeno tre libri, sale, cellulare, fogli sparsi, portatovaglioli...a fine giornata qualcosa viene messo a posto altre no :-) ancheio sono lontana anna luci dalla nonna ma me ne sono fatta una ragione sono decisamente MAMMA IMPERFETTA

    RispondiElimina
  2. Ma non sei un po' contenta di non essere Aprovadinonna? e di convivere con qualche minimicrobo familiare? e di far crescere la pupattola senza un modello così difficile da raggiungere ;-)?

    RispondiElimina
  3. @BNC: non è un tavolo, è una pista d'atterraggio ;-)
    @MV: devo ricordarmi soprattutto di questa tua ultima frase!

    RispondiElimina
  4. non bisogna cercar di esser qualcunaltro...
    sei un'ottima mamma così come sei...

    RispondiElimina
  5. Tanto per non farti(vi)sentire sola: stavo preparando il necessario per la festa di mia figlia, con i minuti contati e il terrore di dimenticare qualcosa di essenziale.
    Spunto la lista di coltelli/palette per dolci/apribottiglie/gonfiapalloncini ecc ecc da portare,metto tutto fuori, appoggio in cucina, tiro un sospiro di sollievo, butto la lista e esco a fare la spesa. Al ritorno...TUTTO SPARITO! con il panico nella voce balbetto "do-dove sono le cose che e-erano qui?" e NonnaVì orgogliosa: <> Ecco, devo aggiungere altro?
    Ah, NonnaVì è ancora viva e incolume, giuro

    RispondiElimina
  6. non si legge, ma nonnaVì ha detto "ho lavato e messo a posto tutto"

    RispondiElimina