lunedì 4 aprile 2011

Pannolino lavabile, 2a puntata: l'incontro con Aprovadinonna

Marion Donovan, inventore del pannolino usa e getta
Sabato, uscendo dalla piscina, decido che è il momento buono per iniziare la Prova Pannolino (lavabile). Nel weekend passo tutto il giorno con la Pupattola, così mi sarebbe stato più facile controllare la situazione, ed eventuali frane ed allagamenti.
Andiamo a casa di Aprovadinonna, che commenta  la novità con "Un pannolino? a me sembrava una maglietta". O_o



La Pupattola decide di collaborare immediatamente, provvedendo a fornire il nuovo pannolino lavabile con una buona dose di RSI (rifiuti solidi ingombranti). E io non avevo messo la salvietta tra la Pupattola e il pannolino. Fantastico.
Noto che nonostante tutti i sistemi di contenimento studiati nel design del pannolino, gli RSI sono saliti su su quasi fino alla schiena, ed hanno sporcato non solo l'imbottitura, ma anche il guscio esterno. Il pannolino quindi è da lavare completamente. Davvero un ottimo inizio.

Mentre porto la Pupattola in bagno per un giro di autolavaggio, un'ombra furtiva si muove fra i corridoi. Torno in camera e il pannolino non c'è più. Va bene che è un pannolino ultramoderno, ma che vada ad infilarsi da solo nella lavatrice non mi risulta: avrebbero decisamente dovuto scriverlo sull'etichetta, ne venderebbero molti di più.
E infatti non si era andato a suicidare da solo in lavatrice, ma con molta più disgrazia era finito tra le mani di Aprovadinonna.
-"Ah, io dico." (cosa? non lo so. Son quasi quarant'anni che me lo domando cosa dice quando dice "io dico", quindi per favore non fate domande che la mia infanzia è già stata abbastanza difficile).
-..."io dico. Se si può vedere nel 2011 una cosa così".
- "ehn?"
- "no, ma dico". Ah, ecco. "Va bene l'inquinamento, e tutto il resto. Però se tutte le volte si deve fare un lavoro così...".
Forse dovrei anche dirvi in che contesto si svolge la scena: bagno dello scantinato, a ridosso del lavabo per i panni, con concomitante inserimento di guanti da metalmeccanico siderurgico onde non venire contaminati da RSI.
- "E poi guarda quanta acqua mi tocca consumare per tirar via tutta 'sta roba. Altro che risparmio!"
- "Eh, lo so mamma, ma volevo provarli".
- "Mah, con tutto questo progresso, mettersi a rilavare i pannolini come negli anni '50, proprio no, eh!"

Ho un vago ricordo dei miei "sorrisi". Ricordo di aver visto quei pannolini in stoffa in uno scatolone con tutta la mia roba da neonata, e che mia madre li ha guardati e ha detto una cosa del tipo "Per fortuna li ho usati poco. Con questi ora ci facciamo gli stracci".
No, decisamente mia madre non ama i pannolini lavabili.

PS - ad onore del pannolino e per dovere di cronaca, devo dire che ho trovato un aspetto positivo e uno negativo in questo primo uso. Il negativo sta nel fatto che era molto ingombrante, la Pupattola sembrava avesse il posteriore di Betty Boop (anche se devo dire che ho tenuto sia la base che il booster, ma del resto ha 18 mesi, e la pipì è abbondante). Il lato positivo è che gli RSI sono stati davvero facili da rimuovere sotto l'acqua, e nonostante ciò che dice mia madre, non abbiamo seccato la falda acquifera per rimuovere "il problema".

7 commenti:

  1. Ciao! Brava, mi sembra di capire che non ti sei fatta scoraggiare dalla nonna! sai che non sei sola? c'è un sito di mamme che promuovono senza scopo di lucro proprio l'utilizzo dei pannolini lavabili e se te lo leggi un po' scoprirai che c'è più di un vantaggio :-) vai a visitare www.nonsolociripa.it c'è anche un articolo sui pregiudizi e su chi li ha provati ma non è poi rimasto soddisfatto. Puoi imparare così a risolvere i problemini confrontandoti con chi c'è già passato. E poi c'è tanto tanto da scoprire ...

    RispondiElimina
  2. Ciao! La prima esperienza è sempre un test! Ma basta non lasciarsi scoraggiare! Anche il mio piccolo (che ha 5 mesi) tutte le volte che ha indossato un modello nuovo di pannolino lavabile me l'ha sempre testato alla grande! E posso dire? I lavabili hanno sempre tenuto lo tsunami di RSI meglio degli usa&getta :) Se hai bisogno di consigli, siamo a disposizione! Un abbraccio! Anna e il piccolo Riccardo

    RispondiElimina
  3. l'utilizzo del velo raccogli pupù è fondamentale... ti risparmia un sacco di lavoro!
    Per tua figlia non + più necessario, ma dicono che l'ingombro è utile per prevenire la displasia dell'anca mettendo le gambe in posizione più fisiologica

    RispondiElimina
  4. Non mollare con i lavabili!!! Ti garantisco che con mia figlia che tra i 9 e i 20 mesi ha avuto almeno una gastroenterite al mese erano la cosa migliore per contenere... ogni volta che cedevo e le mettevo un usa e getta la dovevo cambiare dalla testa ai piedi, invece con i lavabili (dopo che ci ho preso la mano) non usciva nulla!!!

    RispondiElimina
  5. grazie a tutte per l'incoraggiamento!!
    @NonSolo: ma il vostro sito è interessantissimo! (e complimenti per la grafica!). Appena posso (puff... pant...) me lo leggo tutto!
    @Anna: ti prendo in parola: aspettati qualche chiamata. Sei reperibile anche di notte ;->
    @mammasuperabile: ah si? °O° non l'avrei mai detto. Grazie per la segnalazione, indagherò...
    @Mammametal: ecco, è il prenderci la mano che mi lascia perplessa.
    Una domanda per tutte: ma il booster me lo consigliate? o non importa?

    RispondiElimina
  6. Ciao! Provo a risponderti per il booster... la "farcitura" dei pannolini dipende da quanta pipì fa la tua bimba.
    Il metodo più efficace è provare vari "assetti". Se metti meno strati assorbenti, devi cambiarla più spesso.
    Io farcisco molto per la notte e meno di giorno. Ma comunque uso il booster. Ad ogni modo l'ingombro non è un problema per i bimbi.
    Poi tieni presente che l'assorbenza degli inserti aumenta dopo un po' di lavaggi ;)

    RispondiElimina
  7. grazie Monia: considerato che lo uso per la notte credo che continuerò a "farcire" ben bene. Quella dei lavaggi è una storia che meriterà di sicuro un post a parte...

    RispondiElimina