lunedì 11 aprile 2011

Bavaglini Tommee Tippee: due modelli a confronto


 
- Cosa vuoi fare da grande?
- La ballerina.
- Che bello, fammi vedere come sai ballare...


- Cosa vuoi fare da grande?
- Il pilota.
- Che bravo! fammi vedere come guidi...


- Cosa vuoi fare da grande?
- Il bavaglino.
- ........


Quando si acquista un oggetto, e si inizia ad usarlo, lo si mette anche alla prova e si vede come funziona. Quando si acquista un bavaglino, che cosa ci si aspetta? Come funziona? Cosa deve saper fare?
"Deve evitare che il bambino si sporchi" direte voi.
Già, e come?

Se il bimbo è molto piccolo, e la sua massima idea di "Ora metto la casa sottosopra" è sbavare per colpa dei dentini, i requisiti fondamentali del bavaglino sono tre: che sia morbido e delicato sulla pelle del bambino, che sia ultra-assorbente, e che abbia un perfetto giro-collo. Ovvero, che ci sia la possibilità di far aderire perfettamente, senza stringere, il bordo del bavaglio al collo del bambino. Perchè i rigoli di saliva sanno infilarsi perfettamente tra tutte quelle pingui piegoline sotto il mento, ad irritare la pelle del bambino - e la mamma in egual misura.



Quando inizia lo svezzamento non è più solo questione di assorbire: la natura, la quantità, la consistenza e l'odore dei materiali che possono colare, percolare, scorrere ed infiltrarsi giù per il collo aumentano in modo spropositato, così come i relativi danni. A sporcarsi non è più solo il collo, ma il collo + il body + la maglietta + i pantaloni + le scarpe + i calzini + il seggiolone e qualsiasi altra cosa si trovi in traiettoria. In quasta fase non ci vuole un bavaglino, ci vuole uno scafandro.

I bavaglini di Tommee Tippee ci si avvicinano molto. Io e un'altra mamma del gruppo ne abbiamo provati due tipi: il Bavaglino Pellicano, ed il Bavaglino Roll-n-go.

Il  Bavaglino Pellicano  è rigido. Ha una tasca molto capiente, che raccoglie davvero tutto. Il papà che lo ha provato mi diceva che ci provava quasi gusto a infilarci la roba dentro (credo si divertisse a giocare al "lancio della briciola" dentro la tasca del bavaglio per intrattenere il piccolo!!). Il giro-collo è rifinito con una bordatura gommata tubolare, in modo da non graffiare il collo del bambino. Per chiuderlo, sono disponibili 4 fori in modo da regolarne l'ampiezza via via che il bambino cresce. Quando è sporco lo si infila direttamente sotto l'acqua, e via.
Nota negativa: non è molto funzionale se il bambino ha meno di 8 mesi (circa) perchè 1) il giro collo anche nella posizione più stretta è ancora largo, e 2) essendo rigido, non permette al bambino di avere la completa mobilità delle braccia davanti a sé, non riuscendo a prendersi le mani perchè le braccia sono bloccate dal bavaglio rigido che sta in mezzo.

Il  Bavaglino Roll-n-go  è morbido. Si può arrotolare su se stesso per portarlo in borsa, e resta chiuso grazie ad un foro extra al centro del giro-collo su cui fissare il bottone di chiusura. Le misure del giro-collo sono 4 anche in questo caso, quindi rimane il problema della larghezza del giro-collo. Essendo morbido, la tasca anteriore è meno stabile, e il bambino può "schiacciarla" muovendo le braccia. Devo dire però che si è sempre comportata molto bene: la Pupattola ci ha versato dentro ben mezzo bicchiere di succo di arancia durante le sue prove di bevuta dal bicchiere "dei grandi" senza beccuccio, e niente si è versato (certo, bisogna essere pronti ad intervenire...). L'ho infilato sotto l'acqua e asciugato subito con un panno, ed era pronto per un'altra avventura culinaria.

In entrambi i casi sono bavaglini pensati per essere totalmente impermeabili, e quindi sono adatti solo per le pappe, e non per assorbire la saliva. Nei primi mesi di svezzamento, il Roll-n-go è sicuramente più adatto.

Si ringrazia Tommee Tippee per la collaborazione.

Nessun commento:

Posta un commento